Attenzione: verificare sempre l'idoneità degli ingredienti utilizzati cercando il claim "senza glutine" sulla confezione, o fare riferimento alla Spiga Barrata oppure controllare sul prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia.


martedì 12 gennaio 2016

Rigatoni al teff con trevisana e pinoli



Personalmente adoro tutti i primi piatti, da quelli a base di pasta di mais e riso, di grano saraceno, al teff, e quelle nuove a base di legumi, a quelli con il riso, gli gnocchi e i cereali naturalmente senza glutine come la quinoa, l'amaranto, il sorgo e così via. A proposito, lo sapete che il 2016 è stato eletto dalla Fao l'Anno Internazionale dei Legumi?! Per sottolinearne oltre al valore nutrizionale anche la sostenibilità ambientale in quanto danno azoto al terreno e di conseguenza riducono l'uso di fertilizzanti sintetici e migliorano le colture.

Le ricette di primi piatti che possiamo preparare sono veramente molteplici, se diamo sfogo alla nostra fantasia potremo creare un'infinità di ricette, dalle più semplici e  veloci da preparare alle meno facili che però danno tanta soddisfazione a noi e ai nostri commensali. Con i primi si possono abbracciare gli ingredienti di mare e di terra e possiamo spaziare attraverso le stagioni usando i prodotti freschi che la natura ci offre in ogni periodo dell'anno regalandoci così il piacere non solo di mangiarli ma anche di prepararli andando a creare la ricetta magari pensando al piatto finito che si vuole ottenere e andando col pensiero a ritroso fino alla creazione della ricetta. 

  •  

Il sugo di questa ricetta è velocissimo da preparare, mentre cuoce la pasta è pronto.






ingredienti  per il sugo (per 4 persone)

1 cespo abbastanza grande di radicchio rosso di Treviso
1 cipollotto
100 ml di vino bianco
20g di pinoli
2 cucchiai di olio evo
sale/pepe q.b.

350g di rigatoni al teff (io ho utilizzato i rigatoni LT Africa)



Mentre l'acqua per la pasta bolle, preparare il sugo partendo dal mondare il cipollotto, eliminando la parte superiore. Lavarlo e tagliarlo ad anellini sottili, tenendo da parte la parte verde che andrà tagliata diagonalmente a pezzetti e fritta in poco olio evo (serviranno per la decorazione finale).

Mondare la trevisana, asciugarla e tagliarla piuttosto fine.

Versare la pasta nell'acqua salata in ebollizione e cuocere per 8/10 minuti

In una padella antiaderente scaldare l'olio e soffriggere il cipollotto, sfumare con il vino bianco (attenere che evapori) ed unire la trevisana. Aggiustare di sale e pepe.

Cuocere per altri cinque minuti, mescolando di tanto in tanto, unire i pinoli.

Scolare la pasta, condire, decorare con il cipollotto fritto e servire.










Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Ricette simili a questa